Il crosstalk fra Induttori

  • Updated: 19/03/2018

L’induttore e la sua morfologia fisica

Conoscere un componente e la fenomenologia fisica che lo contraddistingue presuppone uno studio di base ed un conseguente approfondimento. Iniziamo questo “cammino”  cercando di porci delle domande a cui dare delle risposte. Una fra tutte è quella in calce all’articolo che ha l’onere di essere il titolo stesso dell’articolo, da essa scaturiscono diversi altri quesiti più o meno correlati, come ad esempio: Come disporre gli induttori quando la distanza fra essi comincia ad essere irrimediabilmente piccola?  Quali sono le interazioni reali di campo magnetico che si hanno in funzione della posizione fra gli induttori?  Quanto pesa la variazione dell’induttanza dovuta alla vicinanza di un altro induttore, in termini di variazione della frequenza di taglio e dunque di risposta in frequenza del diffusore?   

 

Il vero comportamento dell'induttore ed il suo circuito equivalente

Per determinare come si comporta l’induttore in funzione della frequenza consideriamo, una corrente i(t) = Acos(ωt) segnale sinusoidale che dipende dalla frequenza e dal tempo applicato ai capi dell’induttore.

A è l’ampiezza del segnale, la funzione cos è la funzione coseno dove all’interno della pancia vi è ω: la pulsazione pari a 2πf ed il tempo.

Se le onde stazionarie si generano all'interno di due pareti parallele, anche un pannello di materiale avente sufficiente spessore può esserne la causa.

L'assorbimento acustico: un'utile guida sulle possibili soluzioni da adoperare per migliorare sensibilmente l'acustica dell'ambiente. 

Page 1 of 2

About us

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore mag

Read more

Newsletter

Post Recenti

Contatti

System - Sj Contact Ajax plugin is missing. Please install this plugin before!